Il valore dell’amore e della misericordia riscoperto in una domenica a Collevalenza

condividi su facebook

Domenica mattina, un gruppo di aclisti del nostro territorio, ha fatto visita a Collevalenza, piccola frazione di Todi (PG), al Santuario dell'Amore Misericordioso di Gesù, noto, anche, come Santuario di Collevalenza. L'edificazione del Santuario, sito che fosse luogo di ritrovo e di riferimento spirituale per i fedeli di tutto il mondo, fu fortemente voluto e realizzato da Madre Speranza. Si trattò, infatti, di un progetto che per lei rappresentava la volontà stessa di Dio, al quale dedicò, con impegno e amore, la sua intera vita. Ci ha accolto amorevolmente mons. Mario Ceccobelli, vescovo emerito di Gubbio, durante la S.S. Messa, si è soffermato sia sul valore dell’amore che sulla misericordia. Inoltre, ha ricordato l’opera benevola che la nostra associazione svolge per il territorio dell’alta Flaminia. Mons. Ceccobelli è stato per il circolo Acli “Ora et Labora” una figura di riferimento del territorio e un interlocutore privilegiato delle nostre attività culturali e spirituali. Dopo la S.S. Messa, abbiamo ascoltato il racconto di un diacono sulla storia e sul progetto di Madre Speranza, suora di origine spagnola, che con caparbietà e determinazione ha realizzato, con l’aiuto dei collevalenzani, uno dei complessi sacri più importanti d’Europa, secondo solo a Lourdes. Successivamente, accompagnati da Sante Filippetti, storico dirigente delle Acli dell’Umbria, il gruppo ha fatto visita alla casa della santa dove una suora ha spiegato le virtù umane e spirituali di Madre Speranza. La visita al Santuario è terminata con una passeggiata tra le verdi colline umbre, grazie alla spassosa guida delle “Autolinee Giovannini” che ci ha condotto tra paesini come Massa Martana, Grutti, San Terenziano, Bastardo, fino alla cantina Valdangius, in località S. Marco di Montefalco. I proprietari ci hanno accolto con degustazione di vini DOC e pietanze originali e gustose. Al termine del convito e dopo una breve visita al centro storico di Montefalco, la comitiva ha ripreso la via di casa consapevole di aver trascorso una giornata cordiale e piacevole.

°°